ragnetto PinoL’incontro con il ragnetto Pino

Fu allora che udì una vocina chiamarlo.
“Hei Lello! Sono qui, non preoccuparti, non ho intenzione di farti del male!”
Lello ancora spaventato alzò gli occhi in direzione della vocina e vide un ragnetto. Malgrado il suo aspetto fosse mite e malgrado ciò che aveva udito, Lello non si tranquillizzò, soprattutto nel vedere quella enorme ragnatela dalla quale era sfuggito per poco.
“Sono Pino” disse il ragnetto, “Vengo da Valledoro, lo stesso paese dal quale vieni anche tu”.
“ah!” Esclamò Lello, “È così che si dimostra l’amicizia? Veniamo dallo stesso paese e vuoi metterti contro di me!”.
“Lascia che ti racconti, prima di giudicare” rispose Pino. “Devi sapere che stai scappando dalla casa del terribile mago Birbisso, egli non vuole che nessuno entri nel suo bosco e, per impedire questo, usa tutte le sue magie”. Birbisso è anche molto geloso, soprattutto non permette a nessuno di avvicinarsi alla regina Alla, si racconta che lui volesse sposarla ma che lei si fosse sempre rifiutata e questo Birbisso non glielo ha mai perdonato”.
“Come faremo adesso?” Chiese Lello che non vedeva l’ora di andarsene da lì e che s’era pentito d’aver accettato l’incarico di portare la lettera ad Alla.
“Non ti preoccupare Lello, vedrai che insieme riusciremo a scappare, ma non possiamo più farlo tornando sui nostri passi. Ora per raggiungere la regina, dovremo attraversare il bosco di Birbisso e dovremo fare attenzione, perchè appena si accorgerà che siamo scappati userà tutte le sue magie per impedirci di uscire dal suo regno”.
“ma com’è che tu ti trovi qui?” Chiese il serpentello.
“Oh! È una lunga storia”…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.